CERCA UN'INFORMAZIONE O UN ARTICOLO GIA' PUBBLICATO



Ricerca Veloce





Ricerca sulla mappa

18,000 indirizzi in 138 paesi...

Spagna 02/07/2024

Fondi di investimento nel comparto ortofrutticolo spagnolo: quale impatto?

Versione stampabile 
Dal loro arrivo, otto anni fa, rappresentano già più del 25% del fatturato totale del settore agrumicolo. 
 
Paco Borras, consulente agroindustriale ed ex direttore commerciale di Anecoop per quarant'anni, descrive l'export e lo sviluppo tecnologico del settore nel periodo 1980-2020 come il "miracolo ortofrutticolo spagnolo". Il lavoro degli agricoltori e degli imprenditori spagnoli ha cambiato il paesaggio di molte province spagnole e ha quadruplicato la produzione nazionale di frutta e verdura fresca, incrementando le esportazioni da 3 a 13 milioni di tonnellate e trasformando la Spagna in un leader mondiale. Un fondo di investimento è uno strumento costituito dal patrimonio di molti singoli investitori, in cui le decisioni di investimento sono prese da un'entità di gestione, che rappresenta e amministra il fondo, non avendo personalità giuridica.
 
 
Gli investimenti nelle altre categorie sono di gran lunga inferiori
Il peso dei fondi destinati al settore agrumi supera già il 25% del fatturato totale degli agrumi, mentre il loro peso nei prodotti ortofrutticoli non agrumicoli è molto più basso. Secondo le stime di Paco Borras, entro fine 2023 le imprese agrumicole avranno investito circa 1,269 miliardi di euro contro 1,042 milioni di euro per gli altri prodotti ortofrutticoli freschi. I fondi di investimento, nella loro forma attuale o legati alle banche, esistono da molti anni, ma non avevano mai toccato il comparto ortofrutticolo spagnolo fino a poco più di otto anni fa: al 26 luglio 2016 risale il primo ingresso significativo di un fondo di investimento in un'impresa spagnola di commercializzazione di frutta fresca. Miura è entrato nella storica azienda agrumicola familiare Martinavarro, già alla terza generazione dalla fondazione ad Almazora (Castellon) nel 1946. Da allora, c'è stato un costante afflusso di fondi di investimento.
 
 
Miura, Proa, Abac, Alantra, Sunridge e Tres Mares
Pochi mesi dopo l'acquisizione del produttore di agrumi Martinavarro da parte di Miura, Proa ha acquisito lo specialista di uva senza semi Moyca; tuttavia, gli afflussi di fondi si sono concentrati nelle aziende agrumicole. Quattro fondi hanno portato a termine un'unica operazione: Abac con lo specialista di ortaggi in serra Agroponiente ad Almeria; Alantra con Surexport, una delle principali aziende di frutti rossi di Huelva; Sunridge con l'azienda agrumicola valenciana Albenfruits; Tres Mares, il fondo legato al Banco Santander, ha fatto il primo ingresso nel settore dei prodotti freschi con una partecipazione di minoranza in Bio Alcoaxarquía, specializzata in avocado, mango e agrumi. Dopo la prima operazione nel 2017, Proa ne ha fatto una seconda in un settore completamente diverso, acquisendo una partecipazione in Patatas Hijolusa de León quattro anni dopo, nel 2021. Nel 2022 entrerà a far parte del gruppo Agrícola Villena.
 
 
Citri&Co e TheNaturalFruit, due grandi gruppi
Miura crea un grande gruppo di agrumi, integrando lo specialista di limoni Perales y Ferrer e lo specialista di agrumi biologici Riotinto Fruits di Martinavarro, e acquisisce le attività di San Miguel in Sudafrica e Perù, come pure la commercializzazione in Europa della produzione di San Miguel in Uruguay e Argentina, dando vita al gruppo Citri&Co. Al gruppo Citri&Co hanno fatto seguito Frutas Esther di Murcia, specializzata in frutti a nocciolo e uva, e la brasiliana Agrícola Famosa, un'azienda leader nel settore cocomeri e meloni. Il gruppo ha anche acquisito il grossista Arco Fruits sul mercato di Saint Charles a Perpignan e la relativa filiale di Murcia.
 
Il fondo di investimento Fremman Capital ha acquisito una quota di maggioranza della holding agrumicola The Natural Fruit Company, creata da GPF Capital nel 2020 dopo l'acquisizione delle aziende ortofrutticole murciane Fruxeresa e Frutas Naturales, a cui pochi mesi dopo si sarebbe aggiunta Frugarva. Integrando l'azienda di agrumi Naturgreen, lo specialista di agrumi rossi Marzal, lo specialista di meloni Hermanos Bruño de Castellón e, nel 2022, lo storico specialista di agrumi e meloni Frutas Bollo. Queste due aziende, Ctri&Co e The Natural Fruit, diventeranno due grandi gruppi, principalmente di agrumi, ma con una forte presenza anche di cocomeri e meloni.
 
 
Emergono altri due gruppi agrumicoli 
Atitlan, noto per gli investimenti — ad esempio — in olivi e pistacchi, che, partendo da Frutas Romu di Sagunto (Valencia), integra poi Guillem Export di Xeresa (Valencia) e la storica impresa familiare Frutas Tono, sempre nella regione di Valencia. MCH crea il gruppo Iberian Premium Fruits, ma a Castellón. Ha iniziato con Llusar di Chilches, strettamente legato al Gruppo Sanlúcar, seguito da Naranjas Torres di Almenara e ha appena incorporato lo specialista di mandarino con foglie Vicente Ros di Alquerías del Niño Perdido, sempre a Castellón. Questi due gruppi sono importanti per quel che rappresentano: in un caso sono specialisti di alcune nicchie di mercato premium, nell'altro coprono l'intera gamma di agrumi. Magnum ha prima rilevato Agrupapulpí, nel nord di Almeria, poi ha creato il gruppo Greentastic, specializzato in ortaggi da campo, integrando le aziende Amaco e Natve, e qualche mese fa ha trasferito il gruppo al fondo Solum, Legato ad Harvard.
 
 
Qual è l'impatto sugli agrumicoltori?
È interessante notare che, inizialmente, i fondi sono stati indirizzati a diversi settori del comparto ortofrutticolo spagnolo nel suo complesso, per poi concentrarsi gradualmente sul settore agrumicolo. I gruppi di agrumi che si stanno formando stanno raggiungendo livelli inimmaginabili, e questo avrà ripercussioni sugli agrumicoltori in un modo o nell'altro. Le cooperative e i loro membri dovranno concentrarsi ed entrare nel gioco dell'agrumicoltura globale. Una classificazione generale del comparto ortofrutticolo spagnolo ci dice che il fatturato totale di frutta e verdura fresca attualmente prodotta in Spagna è di 22 miliardi di euro. Per settore, gli agrumi rappresentano il 22%, i non agrumi il 33% e gli ortaggi il 45%. Il peso dei fondi di agrumi supera già il 25% del fatturato totale del settore, mentre il peso di frutta e verdura non agrumata è molto più basso.
 
 
Il "miracolo ortofrutticolo" spagnolo attrae gli investitori in un momento in cui altri settori sono stati colpiti dalle recenti crisi
Una prima ragione è che si trovavano in altri settori più redditizi, fino alla crisi del 2008 e al forte calo del valore della moneta e dei tassi di interesse. Se guardiamo all'agricoltura, possiamo pensare ai mercati a termine e alle borse dei cereali, del caffè, dello zucchero e di altri prodotti più standardizzati. Ma entrare in dettaglio nel settore frutta e verdura fresca, dove i prezzi sono altamente volatili e dipendono dalle condizioni climatiche, sia in termini di produzione che di consumo, non sembra averli attirati. Nel frattempo, il "miracolo ortofrutticolo" spagnolo ha continuato a registrare buoni risultati, con l'ortofrutta fresca che è stato il primo settore di esportazione spagnolo tra il 2008 e il 2016: è cresciuto del 62%, mentre l'export spagnolo nel complesso è cresciuto solo del 35%. Mentre milioni di posti di lavoro sono stati distrutti in Spagna a causa della crisi immobiliare e del salvataggio di banche e casse di risparmio, il settore ha continuato a generare occupazione, assorbendo gran parte dell'immigrazione ed espandendosi in molte aree produttive.
 
 
Diversificazione e green washing
Il comparto ortofrutticolo è stato uno dei settori produttivi che, per la sua stessa natura di produttore di alimenti essenziali, non ha avuto bisogno di aiuti pubblici o di piani di ristrutturazione durante la pandemia. Inoltre, la nuova politica europea e le nuove tendenze globali, stimolate dai movimenti per la sostenibilità post-pandemia e molto incentrate sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite, hanno reso questo settore uno di quelli che, per la sua stessa natura, ha facilmente raggiunto molti di questi obiettivi. È logico pensare che la partecipazione a società ortofrutticole possa dare un certo "volto verde" a entità puramente finanziarie, offrendo loro al contempo una diversificazione degli investimenti. Se a questo aggiungiamo le attuali controversie sulla sicurezza alimentare, è chiaro che investire nel settore alimentare ha senso.
 
 
Gli agrumi rappresentano il 55% degli investimenti
Gli agrumi sono al terzo posto tra i prodotti ortofrutticoli a foglia caduca in termini di valore di export, ma è chiaro che si tratta della categoria più matura e di quella che ha subito un grande processo di concentrazione tra il 1994 e oggi, per effetto delle sue stesse dinamiche. Quando la Spagna è entrata nel mercato unico, c'erano 773 esportatori di agrumi, con una media di 6.500 tonnellate per azienda, sia privata che cooperativa. Nel 2019, gli esportatori erano solo 290, con una media di 25.000 tonnellate per azienda. Cominciavano a emergere aziende che superavano il concetto di piccola e media impresa, con un livello di penetrazione del mercato, inclusa la commercializzazione degli agrumi dell'emisfero australe, indispensabile per coprire il mercato per 12 mesi all'anno, che, come abbiamo visto, interessava i fondi. D'altra parte, la natura familiare di molte di queste imprese, che stavano entrando nella terza generazione con la complessità intrinseca di qualsiasi azienda familiare e dei rapporti tra parenti, ha fatto sì che in alcuni casi sia stato possibile superare la conflittualità interna delle famiglie proprietarie. Gli altri settori, ortofrutticoli esclusi gli agrumi, sono costituiti da aziende molto più giovani e da filiere più dinamiche, e quindi più volatili, il che probabilmente spiega il più lento tasso di afflusso di capitali.
 
 
Che impatto ha avuto l'afflusso di fondi sul comparto agrumicolo spagnolo?
Fino alla fine del secolo scorso, il comparto agrumicolo spagnolo era concentrato nella Comunità Valenciana e si basava su piccole aziende agricole da un lato e su un gran numero di esportatori dall'altro. Questa struttura non solo creava ricchezza, ma la distribuiva anche. Oggi il modello è in crisi: le piantagioni più grandi e "tecnicamente avanzate" sono state messe a dimora e sono cresciute più rapidamente nel sud di Alicante, a Murcia e in Andalusia, mentre Castellón e Valencia registrano perdite costanti di superfici agrumicole.  Per contro, si sono sviluppate società di commercializzazione a cui vengono destinati fondi.
 
I fondi generano grandi gruppi di agrumi, posizionati in vari bacini di produzione e in diversi emisferi, il che comporta una gestione integrata per tutti i dodici mesi dell'anno per la categoria e rafforza la posizione dominante della Spagna nella categoria. Di fatto, questo sottrae ai Paesi Bassi parte della gestione delle importazioni dall'emisfero sud, poiché questi grandi gruppi hanno ora una strategia globale per la categoria. È una situazione simile a quella che si è verificata con l'avocado, dove in un solo decennio i leader spagnoli della costa tropicale andalusa sono passati da commercianti della produzione locale a veri e propri manager della categoria in Europa, indipendentemente dall'origine del prodotto.
 
 
 
 
Per maggiori informazioni, inviare una richiesta a questo indirizzo e-mail.
 
 
 

 

Become Gold


I fondi generano grandi gruppi di agrumi, posizionati in vari bacini di produzione e in diversi emisferi, il che comporta una gestione integrata per tutti i dodici mesi dell'anno per la categoria e rafforza la posizione dominante della Spagna nella categoria
 
Invia a un collega 
Versione stampabile 
Fructidor.com ad.


^ Vai a inizio pagina